crostata rustica alle mele – vivere è come volare

Sono giorni particolari, un po’ confusi e disordinati: il cielo è grigio, la pioggia leggera cade piano, e piano si appesantisce il cuore sotto il peso di migliaia di piccole, insignificanti goccioline d’acqua.
Ascolto decine di canzoni, sperando ed aspettando di trovare nel loro testo parole che sappiano descrivere i sentimenti di queste giornate:

“Chiedilo a Marilyn
Quanto l’apparenza inganna
E quanto ci si può sentire soli
E non provare più niente
Non provare più niente
E non avere più niente
Da dire”

Mi chiedo quale sia il senso di questi giorni monotoni e ripetitivi, in cui solo nell’abbraccio di Mamma e Papà, nel sabato sera passato con Amica, nella domenica pomeriggio rifugiati in un bar per sfuggire alla pioggerellina riesco a trovare un significato. E penso a quanto tempo passo a fare cose che non mi trasmettono nulla; ricorderò invece per sempre il cielo blu di NY, il profumo della camicia da notte di mamma, quella cena inaspettata, la risata di nonna, lo zucchero filato enorme di quest’estate, i fiori ricevuti, i giri in macchina a cantare “Completamente”, le passeggiate in collina, i croissants di Parigi e le corse per riuscire a salire sulla metro, le lezioni di filosofia.

E mi rendo conto che il senso c’è, anche in questi giorni grigi: lo si trova seguendo le “ragioni del cuore”, dimenticando la presunzione di volerle comprendere, abbandonandosi al sentimento.
“Vivi con sentimento, sempre”: mamma riassume in queste poche parole la bellezza dei dettagli di questa vita.

“Vivere come volare
Ci si può riuscire soltanto poggiando su cose leggere”

Scelgo quindi di planare sul pelo del mare, cercando di ignorare gli schizzi freddi delle onde, guardando invece il cielo.
Scelgo di vivere di cose semplici, ma che riempiono il cuore: proprio come questa crostata. 

 

 

 

INGREDIENTI: 

Per la frolla:

  • 50 g semola rimacinata di grano duro
  • 50 g farina integrale
  • 50 g farina di noci (vedi consigli a fine ricetta)
  • 150 g farina 00
  • 150 g burro a temperatura ambiente
  • 2 tuorli
  • la scorza di un mandarino, sale

Per la composta di pere caramellate:

  • 1 pera, privata della buccia e del torsolo, ridotta poi a dadini piccolissimi
  • 1 mandarino
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 15 g di burro
  • un cucchiaio di rum (opzionale)

Per la crema frangipane alle noci:

  • 100 g burro morbido
  • 100 g zucchero a velo, setacciato
  • 100 g farina di noci
  • 1 uovo intero
  • 10 g maizena / amido di mais
  • i semini di una bacca di vaniglia, pizzico di fleur de sel

per le mele:

  • 6 mele medie biologiche
  • zucchero di canna q.b.

 

METODO:

  1. come prima cosa, prepara la frolla: utilizzando una spatola, lavora il burro con lo zucchero, i tuorli, il sale e la scorza di mandarino. Aggiungi quindi tutte le farine e mescola fino a formare un panetto. Compattalo bene, avvolgilo con pellicola trasparente, quindi fallo riposare per almeno 2 ore in frigorifero.
  2. mentre la frolla riposa, prepara la crema frangipane: in una ciotola, lavora il burro morbido assieme allo zucchero a velo precedentemente setacciato ed ai semini di una bacca di vaniglia. Non appena ottieni un composto omogeneo, unisci anche la farina di noci, la maizena setacciata ed il pizzico si fleur de sel. Infine, aggiungi le uova, una alla volta, assicurandoti che si incorporino perfettamente. Copri poi con pellicola e conserva in frigo per almeno 1 ora.
  3. per la composta di pere: in un pentolino, aggiungi lo zucchero e fallo sciogliere e imbiondire a fiamma medio-bassa, mescolando spesso per far sì che si colori in maniera uniforme. Ottenuto un bel color ambrato, unisci il burro e fallo sciogliere. Aggiungi quindi la pera precedentemente ridotta a dadini, cuoci per un paio di minuti, quindi aggiungi il rum e il succo di mezzo mandarino. Fai ridurre fino a che otterrai una composta compatta e asciutta. Lascia raffreddare da parte.
  4. per le mele: preriscalda il forno a 190°C, modalità statica. Rimuovi la buccia, tagliale a metà nel senso dell’altezza, quindi rimuovi il torsolo (non buttare via le bucce, a fine ricetta ti spiego come recuperarle trasformandole in un succo!). Affettale sottilmente e disponi le mezze lune una attaccata all’altra in una teglia precedentemente foderata con carta da forno (vedi foto a fine ricetta). Cospargi la superficie con un paio di cucchiaini di zucchero, quindi falle cuocere e ammorbidire in forno per circa 15 min.: la superficie dovrà risultare appena appena imbrunita. Falle dunque raffreddare
  5. per assemblare la torta: Preriscalda il forno a 190°C, modalità ventilata. Dopo il riposo in frigorifero, ricordati di lavorare la frolla per qualche secondo, giusto il tempo necessario per renderla nuovamente malleabile. Stendi dunque la pasta ad uno spessore di circa 3 mm ed avvolgila delicatamente attorno al matterello, eliminando gli eccessi di farina. Srotola poi l’impasto sopra un cerchio da pasticceria dal diametro di 22 cm, precedentemente imburrato e posto su di una teglia foderata con carta da forno. Premi delicatamente l’impasto contro i bordi ed il fondo della teglia. A questo punto, utilizzando un coltello affilato, elimina la pasta frolla in eccesso. Bucherella la base con i rebbi di una forchetta, quindi stendici sopra un sottilissimo strato di composta di pere, poi la crema frangipane fino ad arrivare a 2 mm dal bordo. Infine, disponi sulla superficie le mele precedentemente cotte come vedi in foto, lasciando un dito dal bordo della crostata. Recupera la frolla in eccesso e spezzettala lungo il perimetro della torta, tra il bordo e le mele, aggiungendo anche qualche noce/nocciola qua e là. Spolverizza la superficie della crostata con un tocco di zucchero a velo, quindi inforna in forno preriscaldato 190°C per 15 min. Abbassa poi la temperatura a 170°C per circa ancora 30 min.
  6. una volta cotta, falla raffreddare completamente prima di rimuoverla dal cerchio da pasticceria.

Consigli:

  1. tieni da parte le bucce e i torsoli delle mele: le puoi trasformare in un succo delizioso. Come? È semplicissimo, devi però usare mele biologiche. Copri le bucce e i torsoli con acqua, aggiungi mezza stecca di cannella e un anice stellato. Porta a bollore e fai ridurre della metà. Filtralo et voilà: un succo di mela delizioso. Per trasformarlo in sciroppo con cui poi lucidare la torta basterà far bollire due parti di succo con una parte di zucchero e far ridurre fino ad ottenere una consistenza sciropposa. Spennella poi tutta la torta con questo sciroppo profumatissimo, così da renderla super lucida!

 

Le mele disposte nella teglia prima di andare in forno.

 

 

 

 

Questa è la mia versione della Crostata Rustica alle mele, aspetto la tua.

XOXO Cooker Girl.

Recommended Posts

Leave a Comment