Ciao!

Oggi ti vorrei raccontare una storia.

C’era una volta una ragazza che viveva in una piccola città del nord Italia, quel tipo di cittadina dove ci si conosce a vicenda, dove il tempo non sembra passare mai e dove le tradizioni stanno alla base di tutto.

Se mai ti recassi in quel piccolo paesino ai piedi del Monviso, non vedresti grattacieli o centri commerciali, non ti ritroveresti in una di quelle città come Roma, Firenze o Napoli. Ma questo, credimi, non significa affatto che sia meno affascinante, interessante o indimenticabile. Roma, Firenze, Napoli sono sicuramente metropoli bellissime, ma l’Italia è fantastica proprio grazie ai suoi piccoli borghi, i quali riflettono i costumi, le tradizioni e la comunità di un Paese.

Ad ogni modo, stavamo parlando di una ragazza, il cui sogno era quello di scoprire nuove culture, nuovi punti di vista e nuovi luoghi, “l’isola che non c’è” tranne che per lei. Amava viaggiare, scoprire, ma specialmente adorava cucinare. Si innamorò di quel mondo fatto di biscotti, torte o pasta, fatto di colori e spezie , di profumi e ricordi.

Iniziò come una principiante, semplicemente spinta da un’incredibile curiosità.

Non smetteva di studiare ricette da tutto il mondo, di ricercare nuovi sapori e nuove culture, senza dimenticare, però, il bel paese.

Ebbe l’enorme fortuna di viaggiare, di scoprire nuove tradizioni culinarie e non vedeva l’ora di condividere tutte le sue esperienze con il mondo intero, al fine di creare una “famiglia” formata da persone di diversi Paesi, ma con le medesime passioni: cucinare, scoprire, viaggiare.

Quella ragazza sono io, una piccola donna di 16 anni, pronta a condividere il suo mondo con tutti voi.